Qual è la ricetta vincente per vendere? Ce lo spiega il Perozzi

/ maggio 17, 2017/ Strategie e strumenti di vendita

Tempo di lettura:2 minuti

Ricetta del Perozzi per vendere | VendomeglioLa professione del venditore è a mio parere una delle più affascinanti: rappresenta l’attaccante della squadra, il finalizzatore, il campione spesso dotato di estro e sregolatezza.

Vive per la firma sui contratti come l’attaccante per i gol: e nei periodi di mancanza di segnature è triste ed arrabbiato, intrattabile ma sempre speranzoso.

Ma quando segna a ripetizione diventa l’idolo locale, ed in molti vorrebbero essere al suo posto credendo sia facile da emulare.

In realtà vendere non è facile.

È il frutto di un mix di doti innate e peculiarità acquisite ed allenate, e chi cerca la ricetta vincente da copiare resta spesso deluso: non esiste.

La vendita è preparazione, organizzazione, metodo ma anche istinto e genialità e come diceva il Perozzi:

il genio è fantasia, intuizione, decisione e velocità d’esecuzione”.

Per quel che riguarda preparazione, organizzazione e metodo ci sono corsi di formazione, coaching, affiancamenti. (clicca qui per saperne di più).

Analizziamo invece quel che diceva il Perozzi:

La Fantasia

Per un venditore una dote fondamentale, intesa come proattività nell’immaginare nuovi scenari di profitto, nuove soluzioni, proposizioni utili a migliorare il business del proprio cliente. Questo è strategico: trovare nuove soluzioni per i clienti, soluzioni che siano in grado di far migliorare le loro attività con strumenti del proprio catalogo. Se il venditore è in grado di essere sempre aggiornato e di proporre nuovi prodotti e servizi che fanno migliorare il fatturato del cliente, ne diventa un punto di riferimento imprescindibile.

L’Intuizione

Una capacità quasi predittiva di saper cogliere sfumature invisibili ai più: scenari di mercato, nuove tendenze, mode, richieste dei clienti. Il saper fare la scelta giusta nel momento ideale. Non si insegna e non risponde alla testa, quanto più alla pancia del venditore.

La decisione

Il carpe diem, saper cogliere l’attimo in trattative complesse rappresenta la sottile linea tra la firma e la sconfitta, tra il successo e il “ci devo pensare”. Anche prendere la decisione che la trattativa sta diventando troppo dispendiosa e va abbandonata non è semplice, ma prima si prende e prima ci si concentra su altro.

Velocità d’esecuzione

Figlia della decisione, basilare per far valere l’intuizione avuta, vitale per l’affidabilità che si vuole mantenere agli occhi del cliente. Un venditore è come un pilota: se è lento non è il suo lavoro.


Nella tua esperienza quali caratteristiche fanno un venditore vincente?

Cosa ti fa chiudere le trattative?

Lascia un commento qui sotto

Lascia il tuo commento qui: