La (finta) guerra dei grandi marchi di hamburger

/ marzo 14, 2016/ Strategie e strumenti di vendita

Tempo di lettura:1 minuto

BREAKING NEWS |Compromeglio

La regina degli hamburger Mc Donald ha pubblicato un video in cui sembra denigrare il rivale Burger King affermando la supremazia della capillarità dei propri punti vendita contro la distanza e mancanza del (presunto) re.

Mac Donald verso Burger KingQuando l’ho visto ho pensato: GENIALE. In modo elegante e sottile dimostrano la propria superiorità attaccando direttamente il concorrente!

Poi dopo pochi giorni è arrivata la risposta di Burger King

Sembra replicare in modo doppiamente geniale riprendendo la storia con un finale a sorpresa, in cui da esperto lottatore di Judo sfrutta a proprio favore la forza dell’avversario.

Avete presente i due spot? Eccoli entrambi.

Mac Donald verso Burger King:

 

La risposta di Burger King verso Mac Donald:

 

Quindi penserete: geniale + geniale2!

Niente di più falso invece. Queste storie non mi hanno convinto per niente!

Ci sono alcuni dettagli che mi hanno insospettito e mi fanno annusare l’odore del fritto tipico dei fast food come costruito, non proveniente da quelle enormi friggitrici di patate fritte!

Le due principali aziende di cibo veloce, i due brand più noti al mondo di pane rotondo con la carne in mezzo decidono di darsi battaglia, cominciano con un attacco diretto, un pugno in pieno viso a cui risponde un altro in senso inverso.

Troppo facile…. Non mi ha convinto

Forse come dice Rudy Bandiera la soluzione per “imperare” è condividere, quindi perché sprecare energie per lottare e combattere quando collaborando si ottengono migliori risultati?

Hai mai pensato se l’azienda per cui lavori, quella per cui fai chilometri su chilometri per acquisire nuovi clienti alla concorrenza, in realtà non si sia accordata con il competitor?

Fantasia? Complottismo? Fervida immaginazione? In realtà credo sia più frequente di quanto si pensi anche se non completamente volute ed organizzate, e ne parleremo in un prossimo post.

Lascia il tuo commento qui: