I buoni propositi del nuovo anno

I buoni propositi di inizio anno.

Puntualmente ogni fine anno riserva una sequenza di eventi che si susseguono in perfetto e rigoroso ordine: rincorsa delle trattative di vendita, tentativo di chiusura entro il 20 dicembre, affannosa ricerca dei regali, pranzi, cene e festeggiamenti in famiglia, rimorsi e intenti di dieta, cenone di capodanno con annessi trenini e balli di gruppo, e l’immancabile elenco dei buoni propositi.

Se al primo posto la maggioranza degli italiani ha la dieta, le posizioni successive sono un mix tra famiglia e lavoro e proprio tra questi troviamo in ordine sparso:

  • Fare ordine sulla scrivania e borsa da lavoro
  • Programmare tutte le attività
  • Richiamare tutti i clienti nella prima settimana e visitarli nel primo mese
  • Migliorare rispetto ai risultati dell’anno precedente (o chiedere un aumento)
  • Rinfrescare la propria immagine e guardaroba

Quanti dei propositi verranno realizzati? Pochi, pochissimi, quasi nessuno.

Perché accade questo? Per una serie di motivi che riguardano la creazione di un obiettivo, che deve essere chiaro, definito, misurabile realistico e meglio se condiviso.

Se i propositi si vogliono realizzare, obiettivi devono diventare! Potrebbe essere lo slogan da utilizzare.

Tornando al famoso elenco, affinché un proposito ne faccia parte con la possibilità di vederlo realizzato, va quindi definito con precisione, tenendo conto delle proprie possibilità e capacità: ad esempio, è inutile pensare di visitare tutti i clienti o chiamarli, quando il tempo a disposizione non lo permette; potrebbe essere invece l’occasione di creare una newsletter, per aggiornare periodicamente i propri clienti sulle novità dei propri servizi e prodotti.

L’obiettivo deve essere misurabile, e se si vogliono migliorare i risultati dell’anno precedente deve essere chiaro il dato di partenza e di quanto migliorare, andando quindi a misurare le proprie vendite ponendosi un dato numerico certo.

Ed infine condivisione: gli obiettivi vanno scritti e condivisi con altre persone, in modo da avere una differente responsabilizzazione, rispetto al solo pensarli.

Rifletti ora e considera:

  • Hai definito i tuoi obiettivi di vendita per quest’anno?
  • I tuoi obiettivi sono misurabili, chiari e definiti? Condividili!
  • Hai pensato a come migliorare il tuo modo di lavorare? Se non hai nuovi propositi, prova a rispondere a queste domande:
    • Cosa farai di più
    • Cosa farai di meno
    • Cosa inizierai a fare
    • Cosa smetterai di fare

Ricorda: Il cliente compra te, non il tuo prodotto! Iscriviti su Compromeglio.com e inizia a fare la differenza.

Vuoi approfondire questi temi?

Tutte le Tecniche per Strutturare gli Obiettivi nel Tempo, dalle Mappe Mentali al Cerchio della Vita. (Ebook Italiano - Anteprima Gratis)
Il Libro della Vita. Tutte le Tecniche per Strutturare gli Obiettivi nel Tempo – R.Zaretti

L'arte di organizzare il tempo e le cose con il Lean Thinking
Organizzati! Come aumentare la produttività personale – A.Bergianti
Chiudi il menu

Privacy Preference Center

Tecnici

I cookie necessari aiutano a contribuire a rendere fruibile un sito web abilitando le funzioni di base come la navigazione della pagina e l'accesso alle aree protette del sito. Il sito web non può funzionare correttamente senza questi cookie.

In questo sito sono utilizzati:
240plan
Cookie operativo utilizzato dal server
Durata: un'ora

240planBAK
Cookie operativo utilizzato dal server
Durata: un'ora

wh-widget-cookie
Cookie tecnico per la funzionalità di chat. Non colleziona dati personali
Durata: 1 giorno

240plan, 240planBAK, wh-widget-cookie

Statistiche

I cookie statistici aiutano i proprietari del sito web a capire come i visitatori interagiscono con i siti raccogliendo e trasmettendo informazioni in forma anonima.

_ga, _gat, _gid

Close your account?

Your account will be closed and all data will be permanently deleted and cannot be recovered. Are you sure?

Are you sure?

By disagreeing you will no longer have access to our site and will be logged out.