Per vendere è meglio Telegram o Whatsapp?

/ aprile 5, 2016/ Tecnologia e strumenti digital

Tempo di lettura:2 minuti

Magari non sei d’accordo, e non stai utilizzando né l’una né l’altra piattaforma di messaggistica; anzi potresti essere in disaccordo sull’utilizzare questi strumenti per lavoro.

Pochi giorni or sono ho proprio partecipato ad una discussione sul tema tra chi sosteneva non essere applicazioni da utilizzarsi per scopi professionali, ma solo tra amici: non sono d’accordo, e ti spiego il motivo.

Telegram o Whatsapp

In fondo nulla di nuovo rispetto al passato

Quante volte le innovazioni hanno tardato ad affermarsi per utilizzi diversi da quelli che ne hanno dato impulso? Basti pensare al cellulare nato come strumento business, le email che inizialmente servivano per far comunicare tra loro le università, il personal computer che per anni pareva impossibile entrasse nelle case e fosse ad uso esclusivo delle aziende.

Tornando quindi alle principali applicazioni di messaggistica oggi presenti, va sottolineato come non siano queste le prime esperienze di chat in versione mobile; sono state precedute da Google talk (tra utenti google), Yahoo messenger (identico per utenti Yahoo), Blackberry messenger che considero il reale progenitore di entrambi, nonché quella che è stata e per certi versi è ancora la miglior piattaforma di messaggistica, oltre che l’esempio lampante della mancanza di visione dei manager Blackberry che ha portato al quasi fallimento la prima azienda di smartphone del decennio scorso.

Entrando nello specifico del confronto, pare sia Telegram ad avere la meglio, in quanto a sicurezza, possibilità di invio file di dimensioni maggiori, e soprattutto creazione liste di utenti maggiormente dimensionate. Non è obiettivo fare un’analisi tecnica delle due, ci sono guide e blog che parlano di questo, quando ragionare sull’efficacia per migliorare le vendite, acquisire nuovi clienti o fidelizzarli tramite queste applicazioni.

In particolare la funzione che si sta diffondendo è quella del “Canale”, uno strumento utile per comunicare in maniera meno invasiva di quel che fanno le email o gli sms, con superiore efficacia.

Canale Telegram di Compromeglio

Il canale pubblico può essere trovato ricercando nella directory di Telegram, ed in questo caso è utile sia coincidente con il nome dell’azienda, o del sito web, o del blog che rappresenta, oppure comunicato direttamente tramite social, o altri metodi più tradizionali.

A differenza di altri strumenti, il canale permette di creare una lista unica di utenti a cui inviare informazioni in tempo reale, con l’ulteriore possibilità di vedere lo storico delle condivisioni avute, dare accesso a risorse, utilizzare il tempo (sempre più limitato) in maniera utile essendo proattivi con i propri clienti realmente interessati, ed al tempo stesso proponendosi ai nuovi prospect.

Come per tutte le innovazioni il momento dell’adesione è fondamentale tra il distinguersi ed il seguire la massa arrivata prima, solo per “non poter non esserci”.

Se vuoi informare i tuoi clienti con le novità del tuo settore, i nuovi prodotti che proponi, offerte per periodi molto limitati, ecco il canale Telegram oggi può esserti d’aiuto, ben sapendo che alla maggioranza dei tuoi interlocutori non sarà chiaro subito di cosa si parla.

Ma se tu vuoi fare la differenza, la puoi fare solo distinguendoti dalla massa!

Lascia il tuo commento qui: